Approvato il disegno di legge sulla Rai. E Renzi promette la riforma delle intercettazioni entro il 2015

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Consiglio dei ministri ha approvato il disegno di legge sulla Rai che prevede la sostituzione del sistema di governance attuale con un consiglio di amministrazione di sette membri di cui quattro espressi dal parlamento,  uno dall’azionista (cioè il ministero dell’Economia) e uno che rappresenta i dipendenti. Verrà introdotto un amministratore delegato con pieni poteri indicato anche questo dal Tesoro. Resterebbe quindi stretto il rapporto con il Governo. Ora parola alle Camere.  “Mi auguro che il parlamento possa arrivare rapidamente all’approvazione definitiva per consentirci, anche in occasione del rinnovo, di poter già applicare la nuova disciplina”, ha detto il ministro Maria Elena Boschi.  Il premier Matteo Renzi ha poi annunciato la riorganizzazione del ministero della Giustizia. E secondo il ministro Orlando “Con la riorganizzazione si otterrà un risparmio annuo di 64 milioni di euro. E’ la piu’ importante cura ricostituente del sistema giustizia che sia stata fatta negli ultimi anni”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA