Aprire a Cisl e Uil. Primo passo di Landini candidato alla segreteria nazionale della Cgil

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Maurizio Landini ha accettato la proposta di Susanna Camusso e si è candidato alla segreteria della Cgil lanciando subito una proposta unitaria a Cisl e Uil. L’ex leader della Fiom e già componente della segreteria del sindacato era stato indicato dalla Camusso sabato scorso, una pratica usuale per i segretari uscenti di via Nazionale. “Ho accettato e mi sono reso disponibile alla proposta. In vita mia non mi sono mai candidato a nulla. Tutti siamo al servizio dell’organizzazione”.

La scelta definitiva avverrà nel congresso del sindacato dal 22 al 25 gennaio prossimi a Bari, ma l’elezione appare scontata, anche perché il documento “Lavoro è”, messo a punto collegialmente ma in qualche modo espressione della maggioranza, ha ottenuto quasi il 98% dei voti”, ha aggiunto Landini nel suo intervento. Landini ha già proposto di ricostruire un corpo sindacale unico con Cisl e Uil: “non ci sono ragioni politiche per non ricostruire un organismo che vada oltre l’azione sindacale” ha spiegato.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA