Tragedia all’Argentario. La comandante dei vigili urbani spara al figlio 17enne e poi si uccide. Indagano i carabinieri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La comandante della polizia municipale di Monte Argentario, Loredana Busonero, ha prima ucciso il figlio 17enne e poi si è tolta la vita. Avrebbe sparato con la pistola d’ordinanza a Porto Santo Stefano (Grosseto). Il figlio, colpito alla testa, è morto poco dopo. Doveva essere trasferito in elisoccorso all’ospedale Le Scotte di Siena, ma è morto ancora prima.

Sul posto sono intevenuti i carabinieri della compagnia di Orbetello. Ancora ignoti i motivi che hanno portato la donna di 55 anni all’omicidio-suicidio. Due anni fa era rimasta vedova. Il marito, Marco Visconti, era l’ex sindaco dell’Argentario e ancor prima vicepresidente della provincia di Grosseto. La donna fino a ieri ha prestato regolarmente servizio nel comune dove lavorava ormai da anni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA