Arginato il deficit di liquidità. Bankitalia promuove Conte. Strage di imprese senza i sostegni adottati. Ma per molte aziende servirà più patrimonio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Gli effetti economici del Covid lasceranno ancora per molto tempo i segni sulle imprese, e ancora oggi non è possibile stimare un costo totale perché molte aziende si sono indebitate e non è certo che possano restituire questi finanziamenti. Ma l’azione del Governo ha evitato il peggio, e tamponato l’urgenza di liquidità monetaria, che comunque resta ancora elevata. A fare questa sintesi è stata ieri la Banca d’Italia nelle “Note Covid sugli effetti della pandemia”, che analizzano l’impatto dello shock generato dal Covid-19 sul fabbisogno di liquidità, la patrimonializzazione, la redditività e la struttura finanziaria di circa 730.000 società di capitali italiane.

“La recessione innescata dall’epidemia – è scritto nello studio – accresce in maniera significativa la quota di società di capitali italiane che nel 2020 registrerebbero un fabbisogno di liquidità e un deficit patrimoniale. Le principali misure di sostegno varate dal Governo tra marzo e agosto attenuano però fortemente questi effetti: hanno sostanzialmente annullato il maggior deficit di liquidità e hanno ridotto, pur non eliminandolo, il peggioramento nelle condizioni patrimoniali”.

Per Bankitalia l’andamento del fatturato delle imprese è coerente con le proprie previsioni dello scorso luglio, che ne ipotizzavano nel 2020 una caduta del 9,5%. “In assenza dei sostegni dal governo, il forte calo del fatturato avrebbe determinato quest’anno un fabbisogno di liquidità pari a circa 48 miliardi per circa 142.000 imprese (il 19% del totale del campione) e una netta contrazione degli utili, che avrebbe reso sotto-patrimonializzate circa 100.000 imprese (il 13,8% del totale)”, dice il report.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA