Arrestati sette anarchici del Fai. Perquisizioni in diverse regioni d’Italia. L’indagine è partita da una bomba esplosa nel quartiere Crocetta di Torino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sette anarchici della Fai, la federazione anarchica, sono stati arrestati e altri otto sono indagati per associazione finalizzata al terrorismo. Le indagini hanno riguardato diverse province italiane e sono state condotte dalla Digos di Torino in collaborazione con quelle di Viterbo, Pescara e Roma, coordinate dal servizio centrale antiterrorismo della Polizia. Tra le persone finite al centro dell’indagine ci sono anche Alfredo Cospito e Nicola Gai, esponenti di spicco del Fai, condannati a 9 e 10 anni e 8 mesi per l’attentato all’amministratore delegato dell’Ansaldo Roberto Adinolfi, gambizzato il 7 maggio 2012. Perquisiti circa trenta alloggi tra Piemonte, Liguria, Lazio, Emilia Romagna, Lombardia, Sardegna, Abruzzo, Campania e Umbria. Anche se le indagini sono partite dal Piemonte. Precisamente dal quartiere Crocetta di Torino dove il 5 marzo 2007 esplosero alcune bombe vicino alcuni cassonetti della spazzatura. Un’esplosione rivendicata dai responsabili con nomi dei personaggi disneyani: Pippo, Paperoga, Pluto. Altre bombe furono fatte esplodere dalla stessa organizzazione davanti alla scuola allievi carabinieri di Fossano, nel Cuneese, il 2 giugno 2006.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA