Arte contemporanea in festa. Opere moderne e mostre gratuite in tutta Italia. Dal Maxxi di Roma al Castello di Rivoli a Torino

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dal Maxxi al Macro passando per la Galleria Nazionale d’arte Moderna e Contemporanea. Soltanto  a Roma il programma d’arte contemporanea per la giornata di oggi offre capolavori visitabili gratis. Ma in tutta Italia saranno oltre mille le località d’arte aperti al pubblico per la dodicesima edizione della Giornata del Contemporaneo promossa dall’Associazione dei Musei d’Arte Contemporanea Italiani (Amaci). Spostandoci dalla Capitale ad altri lidi saranno visitabili il Museo del Novecento di Milano, il Castello di Rivoli di Torino e il Mart di Rovereto. Amaci ha affidato l’ideazione dell’immagine guida della Giornata a un artista italiano di fama internazionale. Dopo Michelangelo Pistoletto, nel 2006, e altri nomi celebri quali Luigi Ontani, nel 2009, o Adrian Paci nel 2014, quest’anno è stato scelto Emilio Isgrò che ha creato un’immagine che mostra l’Europa cancellata che estende i suoi confini oltre quelli dell’Unione Europea, abbracciando idealmente i paesi che si affacciano sul Mediterraneo. “L’immagine vuole essere una riflessione sulle divisioni geografiche, politiche, culturali che oggi più che mai alimentano sentimenti e spinte nazionaliste che la storia sperava di aver cancellato”, ha spiegato l’artista. L’iniziativa viene realizzata grazie a una convenzione con il ministero dei Beni Culturali. Rinnovata anche per il prossimo anno. E proprio nell’ambito di questa collaborazione sarà realizzato un catalogo online del patrimonio e delle collezioni di arte contemporanea di proprietà pubblica. E ieri, lo stesso giorno della presentazione della Giornata del Contemporaneo, il ministero guidato da Dario Franceschini ha annunciato la nascita dell’Italian Council, una nuova struttura ministeriale che opererà per sostenere l’arte contemporanea nazionale e rafforzare la presenza degli artisti sulla scena internazionale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA