Assegno unico per i figli. Il via libera entro questo mese. Prima riforma per la famiglia dopo anni. Grazie alle risorse fatte stanziare dal M5S

Assegno unico per i figli. Il via libera entro questo mese
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Via libera definitivo del Senato al Ddl sull’assegno unico per i figli prima dello stop dei lavori parlamentari previsto per le festività di Pasqua. È questa l’indicazione emersa al termine della Conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama, secondo quanto riferito per primo dal presidente dei senatori del Partito democrativo, Andrea Marcucci.

La data verrà però definita dalla prossima riunione della “Capigruppo” già fissata per il prossimo 24 marzo, dopo il voto sulle comunicazioni del presidente del Consiglio, Mario Draghi, sul Consiglio europeo del giorno successivo. Se le Commissioni di Palazzo Madama avranno concluso il lavoro sul Recovery plan, ha fatto sapere ancora il dem Marcucci, il Ddl delega sull’assegno unico potrebbe essere varato nello stesso pomeriggio del 24, altrimenti sarà messo in calendario nella settimana successiva.

SOSTEGNO ALLA NATALITÀ. Si tratta di una grande riforma che deve ampiamente il merito ai Cinque Stelle, come ha sottolineato l’ex ministro del Lavoro Nunzia Catalfo (nella foto) dopo il recente parere positivo reso dalla commissione Lavoro del Senato. Con l’Assegno unico e universale si aggiunge infatti un altro fondamentale tassello alle politiche di welfare del Paese. Sostegno alla natalità, alla genitorialità e all’occupazione soprattutto femminile saranno resi più diffusi e semplificati.

Per questo, proprio su iniziativa della Catalfo è stato disposto un apposito finanziamento nell’ultima legge di Bilancio, con cui si prevedono 3 miliardi di euro per quest’anno e 5,5 miliardi a partire dal prossimo. Soldi che aiuteranno a dare sostegni veri alle donne e alle famiglie, e non solo promesse da moltissimi anni rimaste disattese.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA