Atac a Roma stringe un patto coi privati. Gli autobus degli altri operatori saranno usati per potenziare il servizio e garantire il distanziamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con la pandemia e la necessità di garantire il rispetto del distanziamento, Atac ha messo a segno un importante risultato. Si è conclusa positivamente la prima gara per i servizi aggiuntivi di tpl, indetta dalla municipalizzata per il trasporto capitolino, che permetterà di riorganizzare il servizio riuscendo a garantire fino a 500 corse giornaliere in più. Secondo quanto riferisce l’azienda, il bando, suddiviso in due lotti, è stato aggiudicato da due operatori, Cialone Tour e Angelino Srl, ai quali verranno subaffidate complessivamente 10 linee a minor frequentazione. Il primo lotto riguarda le linee 061, 071, 435, 443 e 654 e vedrà impegnate complessivamente 17 vetture nell’ora di punta mentre il secondo comprende le linee 500, 551, 021, 043 e 319 e prevede l’utilizzo di 20 vetture. Il subaffidamento sarà operativo a partire da lunedì e durerà fino al 14 febbraio 2021. Tutto ciò consentirà ad Atac di incrementare le linee maggiormente frequentate, ritenute critiche per il rispetto del distanziamento, con circa 500 corse ogni giorno, che si aggiungono alle 600 già implementate nelle scorse settimane. Il bando, reso possibile da un finanziamento di un milione di euro dalla Regione Lazio, è al centro della strategia per far fronte alle nuove necessità in vista del rientro in classe degli alunni delle scuole. Proprio su questo tema ieri c’è stato l’incontro in prefettura con il Comune, amministrato da Virginia Raggi, per pianificare i futuri interventi.