Baby prostitute, otto persone a processo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Il 16 maggio saranno processate, con rito abbreviato, le otto persone coinvolte, a Roma, nell’inchiesta sullo sfruttamento delle due ragazzine fatte prostituire in un appartamento ai Parioli. Lo ha deciso il gup di Roma Costantino De Robbio.

A processo andranno Mirko Ieni, ritenuto il promotore del giro di prostituzione insieme con Nunzio Pizzacalla; la madre di una delle ragazzine; i clienti Mario De Quattro, Riccardo Sbarra, Marco Galluzzo, Francesco Ferraro e Gianluca Sammarone. Sfruttamento della prostituzione, cessione di droga, estorsione, detenzione di materiale pedopornografico e prostituzione minorile i reati contestati, a seconda delle singole posizioni, dal procuratore aggiunto Maria Monteleone e dal sostituto Cristiana Macchiusi.

Gli otto a processo in caso di condanna, grazie al rito abbreviato, avranno la riduzione di un terzo della pena. Degli otto imputati tre sono tuttora detenuti presso il domicilio: sono Mirko Ieni, al quale è applicato il braccialetto elettronico, Nunzio Pizzacalla e Michael De Quattro. Per Ieni e Pizzacalla, in particolare, l’accusa e’ quella di sfruttamento della prostituzione minorile. Ieni deve rispondere anche di cessione di droga. A Riccardo Sbarra e’ contestato anche il possesso di materiale pedopornografico e a Michael De Quattro anche una una tentata estorsione: avrebbe tentato di farsi dare 1.500 euro per non diffondere il filmato di un rapporto con una delle due ragazzine. Tra le accuse a Marco Galluzzo c’è anche quella di aver ceduto cocaina in cambio di prestazioni sessuali.