Baby squillo ai Parioli, otto rinvii a giudizio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio di otto persone, nell’ambito dell’inchiesta sulle ragazzine fatte prostituire in un appartamento ai Parioli. I reati contestati sono sfruttamento della prostituzione,cessione di droga, estorsione, detenzione di materiale pedopornografico e prostituzione minorile.

Il procuratore aggiunto Maria Monteleone ed il sostituto Cristiana Macchiusi hanno chiesto il processo per Mirko Ieni, ritenuto il promotore del giro di prostituzione, Nunzio Pizzacalla, Mario De Quattro, la madre di una delle ragazzine, ed i clienti Riccardo Sbarra, Marco Galluzzo, Francesco Ferraro e Gianluca Sammarone.

Per Ieni e Pizzacalla l’accusa è sfruttamento della prostituzione minorile e per Ieni anche di cessione di droga. A Sbarra è accusato di possesso di materiale pedopornografico; De Quattro di una tentata estorsione: ha cercato di farsi dare 1.500 euro per non diffondere il filmato di un rapporto. Galluzzo, è accusato di aver ceduto cocaina in cambio delle prestazioni. L’udienza del gup è prevista dopo Pasqua, il 23 o il 24 aprile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Le nomine per tutte le stagioni

Evitando le buche più dure – vedi le parole gravissime del sottosegretario Durigon – Draghi si tiene buono il Parlamento fotocopiando senza il fuoco di sbarramento visto con Conte la stessa prudenza sulla pandemia del suo predecessore. Merito di una situazione sanitaria che migliora, ma

Continua »
TV E MEDIA