Bambino ucciso dal topo a Roma. Pioggia di insulti su Ladylike Moretti, che giustifica la fake news: confuso con l’uomo morto per lo scontro con un cinghiale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un bambino di due anni ucciso dal morso di un topo a Roma. Gli spettatori di Otto e Mezzo, su La7, sono balzati dalla sedia di fronte alla notizia data dall’eurodeputata del Pd, Alessandra Moretti, non nuova a scivoloni e gaffe clamorose. L’esponente dem, infatti, si riferiva al bimbo di due anni morso da un ratto nel quartiere Prenestino. Immancabili sono arrivate le polemiche sull’infelice affermazione, che mirava a criticare l’amministrazione di Virginia Raggi nella Capitale.

I 5 Stelle, sul blog di Beppe Grillo, hanno chiesto le scuse della Moretti: “ Incredibile che si inventi di sana pianta la morte di un bambino solo per screditare il MoVimento 5 Stelle. Bisogna essere delle persone cattive per architettare una cosa simile. Una bufala cosmica che nessun giornale e nessuna presidente della Camera ha condannato. Ancora più grave il fatto che a distanza di quasi 24 ore ancora la Moretti non abbia chiesto scusa. Lo faccia subito”. E quindi è stato lanciato l’hashtag  #MorettiBugiardaChiediScusa

Ecco il video della gaffe della Moretti (minuto 11.12)

L’europarlamentare ha replicato su Facebook dopo gli insulti piovuti sul suo accou: “Vedo uno squallido tentativo da parte dei M5S di distogliere l’attenzione dai gravi problemi di Roma. Ieri ero ospite in tv a Otto e Mezzo e parlando della drammatica situazione in cui versa la Capitale ho sbagliato a citare un episodio, confondendolo con un altro: un bambino di due anni è stato morso da un ratto ma fortunatamente sta bene mentre uno scooterista è purtroppo deceduto a seguito di un incidente causato da un cinghiale in libertà”.