Barba lunga, l’uomo si piace così. Impazza la moda hipster soprattutto tra i manager. Le creme antirughe hanno sostituito le lamette

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una volta gli uomini preferivano le bionde. Oggi scelgono la barba. Sarà la moda hipster. Saranno gli attori come DiCaprio o Fassbender, o i calciatori come Beckham, De Rossi, Candreva. Sta di fatto che l’uomo cambia pelle. Ora si presenta con la barba lunga e incolta, i baffi, le sopracciglia ad ali di gabbiano e con una valigia piena di creme, cosmetici, antirughe, manscara (il mascara per i maschi), contorno occhi antiage, creme solari, scrub e shampoo anticaduta. Le creme hanno preso il posto dei più tradizionali dopobarba, lamette, saponi, schiume e gel per la rasatura. In pratica l’uomo di oggi si rade sempre di meno ed è ossessionato dalle rughe e dall’invecchiamento della pelle. Ma a farsi crescere la barba, tipo intellettuale russo del primo Novecento, non sono solo studenti e bamboccioni, bensì manager e dirigenti in carriera. E i barbieri stanno facendo affari d’oro, specializzandosi nella pettinatura della barba. Dal punto di vista psicologico la teoria più in voga degli esperti è quella che vede gli uomini scegliere barba e baffi per non sentirsi sotto pressione e sembrare più forti e aggressivi rispetto agli altri uomini.

IN PROFUMERIA – Da qualche anno sembra registrarsi un calo costante della spesa legata al consumo di saponi, schiume e gel da barba. Un fenomeno che non risparmia neanche lamette e rasoi elettrici, ormai superati. Gli uomini sarebbero stanchi dei prezzi alti delle testine. Per i prodotti della linea maschile come saponi, schiume e gel da barba nel 2015 sono stati spesi 73 milioni di euro, con un decremento del 3,3% rispetto al 2014. In calo anche il consumo del dopobarba (-2,9%) per un giro d’affari complessivo che ammonta a 54,1 milioni di euro. Ma quanto spende il sesso forte per i cosmetici? Secondo Cosmetica italiana i consumi maschili incidono per circa il 30% sul fatturato globale del settore.