Basta diktat. Sull’Austerity trattativa da pari a pari con Bruxelles. No a manovre correttive. Lettera condivisa all’Ue

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un vertice, una lettera, un consiglio europeo. Dovrebbe essere questo l’ordine degli eventi con cui il governo si prepara a rispondere all’offensiva di Bruxelles pronta a calare sui conti pubblici dell’Italia la mannaia della procedura d’infrazione. Il vertice del premier con i suoi vice, Luigi Di Maio e Matteo Salvini, potrebbe esserci domani. Un’occasione per fare il punto sulla trattativa con l’Ue e per confrontarsi sulla lettera che Giuseppe Conte invierà all’Europa.

REPLICA A SEI MANI. La conferma arriva dallo stesso Salvini: “Ci vedremo prima di spedirla”. Giovedì il premier volerà a Bruxelles per partecipare al Consiglio europeo. La lettera potrebbe partire in quelle ore e c’è chi non esclude che possa venire consegnata addirittura a mano al presidente uscente della Commissione Jean-Claude Juncker. Nel governo – diffonde ottimismo Conte – “c’è una rinnovata fiducia, dobbiamo lavorare con unità di intenti”. Con un duplice obiettivo: “Scongiurare l’infrazione e rivendicare un apporto critico da parte dell’Italia – assicura -. Siamo all’aurora di una nuova legislatura, a un passaggio critico per l’Europa”. E di questo contributo critico, contenuto nella lettera, Conte anticipa la sostanza: “Il primato della finanza non offre delle chance di crescita all’Europa nel segno dello sviluppo sociale, dell’equità, della solidarietà. I dettagli li conoscerete nei prossimi giorni”.

DUE PESI E DUE MISURE. Il ragionamento di Conte dovrebbe mantenersi su un canale più politico fra il tema delle regole con un accenno alla richiesta di parità di trattamento tra tutti i paesi (vedi la Germania che infrange le regole sul surplus commerciale) e la tesi che l’austerity non ha funzionato come avrebbe dovuto. Dentro anche un richiamo a una maggiore condivisione nelle scelte. Il pensiero corre alla partita delle nomine. Che il governo aggancia a quella della procedura d’infrazione. “L’Italia – ha rivendicato Conte – è partecipe di questo processo, è pienamente coinvolta”. Se al nuovo organigramma dei vertici europei “si arriverà subito o si allungheranno i tempi non è importante, quello che conta è individuare personalità di spessore”.

Il premier ha spiegato di aver avuto un confronto ad ampio spettro con il presidente francese Emmanuel Macron: “Gli ho parlato anche della procedura di infrazione. L’ho trovato molto attento alle ragioni dell’Italia”. I dettagli della lettera non dovrebbero riguardare numeri sui quali sta ragionando al Mef il ministro dell’Economia Giovanni Tria. Il punto è far passare un cambiamento nei saldi di bilancio che attesti il contenimento del deficit per quest’anno al 2-2,1% senza varare manovre correttive.

JOLLY TESORETTO. Prossimo appuntamento è l’assestamento del bilancio dello Stato che arriverà entro la fine del mese. Su quel testo saranno messe nero su bianco le entrate tributarie (il gettito Iva per lo più) e da dividendi (gli utili delle aziende di Stato) su cui si nutrono grandi attese. Poi ci sono i risparmi provenienti da reddito di cittadinanza e quota 100. L’idea è quella di replicare il congelamento di tali somme come venne fatto a dicembre scorso. L’Ue chiede garanzie anche per il 2020. In quel caso si potrebbe pensare a una norma che ridimensioni le risorse stanziate per le due misure bandiera di M5S e Lega. Ma su questo la trattativa all’interno del governo si preannuncia tutt’altro che semplice.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA