Batte cassa anche Provenzano. Il capo dei capi di Cosa Nostra chiede i danni allo Stato che gli avrebbe riservato un trattamento inumano in carcere. E’ partito il ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il “capo dei capi” chiede i danni all’Italia. Si, proprio così. Bernardo Provenzano, attraverso i suoi legali, ha presentato ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo chiedendo la condanna del nostro governo che gli avrebbe riservato un trattamento inumano durante la sua detenzione: 41 bis cui è sottoposto nonostante le gravissime condizioni di salute. Nel ricorso i due legali che rappresentano Provenzano, Rosalba Di Gregorio e Franco Marasà, denunciano una continua e rietuta violazione delle norme europee di detenzione e per questo motivo chiedono al nostro Stato un risarcimento che preveda una riparazione per i danni patrimoniale e morali subiti. Dopo la cattura di Totò Riina, Provenzano è stato il leader indiscusso di Cosa Nostra, fino a quando non è stato catturato nei dintorni di Palermo nell’aprile del 2006. Dopo una latitanza durata più di quarant’anni, sulle sue spalle pendono numerose condanne all’ergastolo.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA