Bebè prematuri al sicuro, arriva l’utero artificiale. Salverà i piccoli nati dopo soli 6 mesi di gravidanza

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Come quello della mamma, ma artificiale. Il nuovo utero relizzato in laboratorio promette di funzionare come un’incubatrice per i bebè prematuri perchè è in grado di dare al feto tutto quello di cui ha bisogno per continuare a crescere e maturare. Ha il suo liquido amniotico che permette di respirare attraverso i polmoni e il cordone ombelicale che consente di filtrare il sangue dopo che ha nutrito i tessuti. è stato testato su alcuni agnelli per quattro settimane e li ha accompagnati nella loro crescita fetale. Il suo limite principale è di non essere adatto a tutte le fasi della gestazione, ma solo a quelle intermedie e finali: i sei cuccioli dell’esperimento avevano un’età equivalente alle 23-24 settimane di un bambino.

Non si parla certo di condurre un’intera gravidanza al di fuori del corpo della donna, ma per i neonati prematuri questo strumento potrebbe essere un aiuto per crescere in quel periodo critico, al limite della sopravvivenza, che oggi sono le 23 settimane. Gli autori tengono a precisare che l’obiettivo di quella che chiamano “biobag” non è in alcun modo rimpiazzare la figura della madre. L’unica intenzione, assicurano, è aumentare ulteriormente le speranze di sopravvivenza dei bimbi nati troppo presto. Tutto, nell’utero artificiale, è stato studiato per imitare la natura nel modo più pedissequo possibile. Persino la circolazione non è aiutata da pompe, che potrebbero generare pressioni nocive ai minuscoli cuoricini. Per lo stesso motivo i polmoni non sono supportati da un respiratore. I ricercatori ritengono possibile l’avvio dei test sull’uomo entro pochi anni, anche se prima sono necessarie nuove indagini sugli animali.