Europa terrorizzata. In Belgio è caccia ai terroristi. Sale l’allarme anche in Germania: forze speciali in due moschee

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Allerta terrorismo alle stelle anche in Germania dove le forze speciali antiterrorismo sono entrate in azione in due moschee di Berlino. Sono state messe in allerta con il sospetto di un attentato in preparazione. Secondo quanto riferito dal sito della Bild si sta indagando su due persone della scena islamista.

BELGIO ALTA L’ALLERTA – Continua in Belgio la caccia sfrenata ai due jihadisti Salah Abdeslam e Mohamed Abrini. E’ in corso un’operazione antiterrorismo a Sambreville località vallone tra Charleroi e Namur. Per l’occasione è stata chiusa l’autostrada E42. La notizia nuova che coglie di sorpresa è che, non solo Salah Abdeslam e Mohamed Abrini, ma anche Brahim Abdeslam e la mente degli attentati, Abdelhamid Abaaoud, figuravano in una lista di 85 “radicalizzati” stilata dai servizi segreti del Belgio e trasmessa alle autorità municipali di Molenbeek nel giugno 2015. Cinque mesi prima della strage. Se il tutto venisse confermato sarebbe chiaro che qualcosa si sarebbe potuta fare a livello di prevenzione. Una fonte vicina al comune di Molenbeek coperta da anonimato avrebbe spiegato che “La lista era stata trasmessa nel giugno del 2015 dall’Ocam (letteralmente, Organo di coordinamento per l’analisi della minaccia) al borgomastro di Molenbeek (ovvero, il sindaco Françoise Schepmans, ndr) e al comandante della polizia locale. Sempre in Belgio è scattato l’allarme antrace. La più antica moschea di Bruxelles è stata evacuata in seguito al ritrovamento di diverse lettere contenenti una sospetta “polvere bianca”.