Belgio nel terrore. Bomba contro l’istituto di criminologia nella regione di Bruxelles. Vasto incendio, ma non ci sono feriti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Una forte esplosione nella notte, intorno alle 2.30 del mattino, a Neder-Over-Heembeek, nella regione di Bruxelles, dove una bomba ha lambito l’istituto di criminologia della polizia. Nessun ferito a causa dell’esplosione, ma solo un incendio dalle vastissime dimensioni. Le prime notizie che giungono dal Belgio parlano di un pick up che avrebbe sfondato tre linee di controllo con uno dei tre sospetti che avrebbe poi fatto esplodere una bomba. Il laboratorio più danneggiato si occupa in particolare di analisi del Dna. L’Istituto preso di mira dipende dal Service public Fédéral justice, il servizio pubblico federale che si occupa dell’attuazione della politica federale in materia di giustizia.Non è chiaro quindi se si tratti di un’autobomba o di un esplosivo piazzato e fatto esplodere a distanza. Ci sono volute tre ore per domare le fiamme. Non dovrebbe trattarsi di terrorismo almeno secondo le prime dichiarazioni rilasciate dal procuratore: “E’ un atto criminale”, ha detto Ine Van Wymersch, portavoce della Procura di Bruxelles che indaga sull’accaduto. “Non posso confermare che ci fosse qualche bomba”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA