Bellanova strappa braccia renziane all’Agricoltura. Tra i consulenti pure l’ex social media manager del leader di Italia Viva

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nulla di strano. Anzi: a dire il vero, sono tanti (e di tutti i colori politici) quelli che, appena arrivati al ministero, nominato consulenti e collaboratori fidatissimi, nella maggior parte dei casi – guarda caso – legati al partito e, magari, alla stessa corrente di appartenenza. A questa “usanza” non si sottrae neanche Teresa Bellanova, neoministro delle Politiche agricole. Come si sa, l’ex sindacalista è legata a doppio filo a Matteo Renzi, tanto che anche lei è entrata nel nuovo partito di “Italia Viva”. Ed è quantomeno curioso che tra i collaboratori nominati dalla Bellanova ci siano proprio persone che gravitano attorno al mondo renziano. Uno su tutti: Alessio De Giorgi. Per lui un contratto da ben 80mila euro annui lordi in qualità di “consigliere del ministro”.

Sebbene non sia specificato, è facile immaginare che De Giorgi si occuperà soprattutto della comunicazione social. Alle spalle, infatti, ha una lunga esperienza. L’ultimo incarico? Social media manager di Matteo Renzi. Appunto. E prima ancora si è occupato della comunicazione per la campagna referendaria “Basta un sì”. E forse non è un caso che nell’ultima settimana la Bellanova abbia investito sulla sua pagina Facebook quasi mille euro. E chi ha pagato? Lo dice chiaramente la libreria dello stesso social network: i “Comitati di Azione civile – Ritorno al futuro”, in pratica gli stessi che hanno raccolto i soldi per la Leopolda renziana.

Ma, ovviamente, l’elenco è ancora più lungo. E così, affianco di De Giorgi, il ministro ha nominato anche Andrea Battiston in qualità di consigliere giuridico: parliamo, d’altronde, di un suo storico assistente e di persona molto competente nell’ambito legislativo. E, ancora, la giovane Laura Schettini: fiorentina e, manco a dirlo, vicina anche lei al mondo renziano. Sui social – a meno che non si tratti di un improbabile caso di omonimia – si trovano vecchi post in cui chiedeva di organizzare un “comitato pro Renzi dedicato ai giovani fiorentini”. Ma non è finita. Dulcis in fundo, c’è anche un ex deputato che, dopo 5 anni di legislatura, ora viene nominato consulente al ministero. Parliamo di Salvatore Capone che, oltre al parlamentare, ha fatto anche il consigliere, il sindaco, l’assessore. E il coordinatore provinciale Pd. Dove tutto questo? A Lecce. Terra della stessa Bellanova.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA