Bergoglio non assolve lo Ior. I magistrati della Santa Sede fanno perquisire gli uffici della banca, della Segreteria di Stato e dell’Autorità di Informazione Finanziaria. Le indagini riguardano operazioni sospette

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Uno comunicato di poche righe della Sala stampa Vaticana ha fatto sapere che questa mattina sono state eseguite, “presso alcuni Uffici della I^ Sezione della Segreteria di Stato e dell’Autorità di Informazione Finanziaria dello Stato, attività di acquisizione di documenti e apparati elettronici”. Gli accertamenti, disposti con un decreto dal promotore di Giustizia del Tribunale vaticano Gian Piero Milano e dall’aggiunto Alessandro Diddi, sono legati, ha fatto sapere ancora il Vaticano, “alle denunce presentate agli inizi della scorsa estate dall’Istituto per le Opere di Religione e dall’Ufficio del Revisore Generale, riguardanti operazioni finanziarie compiute nel tempo” e ritenute sospette dagli inquirenti d’Oltretevere.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA