Bergoglio prende le distanze sulle unioni civili. Il Vaticano non si immischia nella politica (italiana). In quella americana sì. E boccia Trump

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Sul volo di ritorno dal suo viaggio in Messico e a Cuba, Papa Francesco spazia su vari temi. Ma sulle Unioni civili si sfila e non imita il presidente della Cei, Angelo Bagnasco, che addirittura si era spinto fino a indicare al Parlamento le modalità di voto.  “Io non so come stanno le cose nel Parlamento: il Papa non si immischia nella politica italiana”, ha spiegato Bergoglio, “Ho detto ai vescovi: il Papa è per tutti e non può mettersi in politica. Ciascun parlamentare deve votare secondo la propria coscienza ben formata. Ben formata non è la coscienza di quello che mi sembra meglio in quel momento. Ricordo che a Buenos Aires in una circostanza analoga uno disse: ‘La cosa è complicata ma alla fine il mio voto preferisco darlo a Kirchner e non a Bergoglio’. Ecco un esempio di coscienza non ben formata”.

Francesco ha però spaziato, rispondendo anche a domande sulle presidenziali americane e bocciando Donald Trump sul tema accoglienza: “Voler costruire muri e non fare ponti non è cristiano. Questo non è nel Vangelo”. Spazio anche ai progetti futuri. Bergoglio sogna un viaggio in Cina. Con il sogno anche di una nuova Unione europea.


 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La balla degli italiani fannulloni

Ogni estate ha il suo tormentone musicale, ma quest’anno, con le discoteche ancora chiuse dobbiamo accontentarci di questo ritornello: “non ci sono lavoratori stagionali perché col Reddito di cittadinanza i giovani non vogliono più darsi da fare”. Su giornali e tv è questa la hit

Continua »
TV E MEDIA