Berlusconi affila le armi per la campagna elettorale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

“C’è indignazione forte per l’ingiustizia che ha portato un collegio feriale a prendere decisione su una sentenza assolutamente ingiusta”. Riparte la campagna elettorale di Silvio Berlusconi, con toni ancora una volta durissimi contro giudici e magistratura. E dopo l’ultima intervista video al Tg5, l’ex premier parla dal salotto di Porta a Porta, in onda stasera su Rai Uno. Attacca tutto e tutti, anche il premier Matteo Renzi, con il quale è ancora vivo l’accordo sulle riforme istituzionali: “Renzi si è presentato come un simpatico rottamatore. Ora a poco a poco, si sta trasformando in un simpatico tassatore”.

“Il 46% di chi ha votato Grillo è deluso”, ha detto Berlusconi, “e qualche volta anche disgustato sia dai parlamentari sia dal loro comportamento, se a questo 46% si può offrire qualcosa di solido, di veramente positivo per il futuro, è possibile recuperare voti da questo 46%”. “Le elezioni europee e amministrative del 25 maggio sono importanti ma io guardo già alle prossime elezioni politiche”, ha aggiunto il leader di Forza Italia, “non mi sento in rincorsa, partecipo a queste elezioni guardando più in là. Voglio convincere il grande popolo dei moderati per vincere le elezioni, governare e fare le riforme istituzionali, del fisco e della giustizia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA