Berlusconi aspetta e spera. Il Cav è convinto che fra due anni Forza Italia tornerà alla guida del Paese. “Non è un sogno, è una possibilità concreta”

SILVIO BERLUSCONI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il governo Draghi non è il futuro del Paese, anzi mi auguro che si possa tornare nel più breve tempo possibile ad una normale dialettica fra centrodestra e centrosinistra, che rimangono schieramenti alternativi per valori e per prospettive”, a pronunciare queste parole non è la leader dell’opposizione Giorgia Meloni ma il presidente di FI, Silvio Berlusconi, che pure il un governo di unità nazionale lo ha invocato per mesi e che da sempre è un estimatore dell’ex numero uno della Bce ed attuale premier. Il motivo è presto detto: “Abbiamo due anni di lavoro per continuare un percorso che abbiamo appena cominciato per tornare ad essere la forza politica che guida il centrodestra e quindi il Paese. Non è un sogno, è una possibilità concreta”. Insomma, Silvio ci spera ancora.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I finti miracoli di Gualtieri

Facciamolo santo subito. E visti gli ultimi miracoli, mettiamolo tra i beati che contano, minimo minimo alla destra del Padre. A Roberto Gualtieri, d’altra parte, i prodigi vengono così, naturali. Prendiamo la sporcizia di Roma. Aveva promesso una pulizia straordinaria a dicembre, e puntualmente il

Continua »
TV E MEDIA