Berlusconi aspetta e spera. Il Cav è convinto che fra due anni Forza Italia tornerà alla guida del Paese. “Non è un sogno, è una possibilità concreta”

SILVIO BERLUSCONI
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Il governo Draghi non è il futuro del Paese, anzi mi auguro che si possa tornare nel più breve tempo possibile ad una normale dialettica fra centrodestra e centrosinistra, che rimangono schieramenti alternativi per valori e per prospettive”, a pronunciare queste parole non è la leader dell’opposizione Giorgia Meloni ma il presidente di FI, Silvio Berlusconi, che pure il un governo di unità nazionale lo ha invocato per mesi e che da sempre è un estimatore dell’ex numero uno della Bce ed attuale premier. Il motivo è presto detto: “Abbiamo due anni di lavoro per continuare un percorso che abbiamo appena cominciato per tornare ad essere la forza politica che guida il centrodestra e quindi il Paese. Non è un sogno, è una possibilità concreta”. Insomma, Silvio ci spera ancora.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Bongiorno conflitti d’interesse

Fosse per certi leghisti dovrebbe dimettersi pure Papa Francesco. Quindi che c’è da meravigliarsi se ieri si sono svegliati con la pretesa di cacciare dal governo la sottosegretaria Macina, coriacea esponente dei 5 Stelle passata per le armi senza bisogno di processo per lesa maestà

Continua »
TV E MEDIA