Berlusconi contro tutti: attacchi a giudici e Colle

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

“La sentenza Mediaset è stata un ‘altro colpo di Stato è stata utilizzata per cacciarmi dal Senato per rendermi incandidabile per 6 anni e ha tolto il leader del centrodestra e l’unico che riusciva a tenere insieme i moderati”. Ad affermarlo è  Silvio Berlusconi, in un’intervista a Mattino Cinque.

Le dichiarazioni di Silvio Berlusconi sul suo affidamento in prova ai servizi sociali, rese lunedì nell’intervista andata in onda su La7 nel programma Piazzapulita, sono al vaglio del Tribunale di Sorveglianza di Milano che lo scorso 15 aprile gli ha concesso la misura alternativa alla detenzione domiciliare.
Nel dispositivo della sentenza in cui si stabilisce l’affidamento ai servizi sociali a Berlusconi è fatto divieto di diffamare i magistrati, pena la revoca del provvedimento che potrebbe, a questo punto, mutare nella detenzione ai domiciliari.

“Cancelli il nome democrazia e parliamo dell’attuale situazione che è lontana da tutte le regole democratiche, purtroppo in Italia noi abbiamo avuto 4 colpi di stato. Un colpo di stato si ha quando un governo viene mandato a casa e ce n’è un altro che non passa dalla urne” aggiunge l’ex premier rivolgendosi all’intervistatore.

“Gli italiani devono imparare ad avere paura perché Grillo lo si vede anche dal modo in cui organizza la sua setta mi fa ricordare personaggi come Robespierre oppure Marx e Lenin. Grillo è il prototipo di questi signori Hitler compreso” continua

“L’ho detto a lui in faccia. Siccome sa che la sentenza Mediaset è assolutamente infondata e ingiusta ho detto: lei è garante della Costituzione, è risorsa di sicurezza, lei dovrebbe sentire il dovere morale di darmi la grazia, non posso chiederla io perché altrimenti ammetterei la colpa. Lei il ha potere monarchico di darla”. Così Berlusconi su Napolitano.

“Renzi non è stato eletto dagli italiani, lui non è nemmeno candidato ed è passato da una sala, quella segreteria Pd a palazzo Chigi. Si regge su una differenza dello 0,37% di vantaggio della sinistra rispetto al centrodestra. Uno 0,37% perchè questi signori sono bravi con brogli e si regge su 144 deputati alla Camera che la Consulta ha dichiarato essere incostituzionali mentre al Senato si tiene in piedi con i nostri senatori, eletti con noi e che hanno tradito il mandato degli elettori diventando stampella sinistra” ha detto sempre l’ex Cavaliere a Mattino Cinque.

Altri passaggi dell’intervista.

Sul futuro del governo: ‘Il desiderio della sinistra è di arrivare con questo governo al 2018 per non lasciare la poltrona, ma io credo che per come andrà l’economia tra un anno e mezzo si andrà a votare”.

Su Renzi: “Tassa ci cova. Le prime cose che ha fatto sono triplicare le tasse sulla casa e gli 80 euro che ha promesso saranno mangiati dalla tasse, ha tolto anche la quattordicesima”.

Ancora su Napolitano: “Mi viene in mente un film: profondo rosso”. Risponde così Silvio Berlusconi quando gli viene mostrata, nel corso di Mattino 5, una foto del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano.

Su Alfano: ‘Andiamo avanti..”. Risponde così Silvio Berlusconi quando gli viene mostrata la foto di Angelino Alfano nel corso di Mattino 5, mentre quando vede la foto di Grillo insiste: “L’ho detto: è peggio di Robespierre”.

Su Angela Merkel: “Lo posso dire in romanesco… ‘aridatece Kohl”.

Su Francesca Pascale: “Dico una cosa, altrimenti quando vado a casa mi sgrida: l’amore ritrovato”.

Sul cane Dudu: “Un dono inaspettato è entrato, ora è diventato una star internazionale”.