Berlusconi ci ricasca: ancora stoccate ai giudici

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Aveva detto che fare il volontariato per gli anziani sarebbe stato un piacere, e che da lui c’era da attendersi solo il rispetto delle sentenze, in quanto «uomo delle istituzioni». E se sul primo punto conferma: «Ho sempre aiutato con piacere chi ne aveva bisogno» sul secondo fa marcia indietro. Sono bastati pochi giorni a far cambiare registro a Silvio Berlusconi. In un’intervista al Tg5 l’ex premier parla di «ingiustizia enorme, di sentenza mostruosa» che gli ha impedito di candidarsi alle elezione europee. È convinto che la Corte Europea annullerà le decisioni dei giudici italiani.

Sono parole battagliere, quelle di Berlusconi, da piena campagna elettorale perché tanto «al massimo fra un anno e mezzo si torna votare». Le Europee sono solo una tappa intermedia : «Pensiamo di ottenere un ottimo risultato». Anche se i sondaggi sono preoccupanti conferma l’impegno personale: « Nella scheda ci sarà il nostro simbolo e anche il nome Berlusconi: questo garantisce ai moderati che io sono in campo».L’obiettivo comunque è puntato sulle prossime politiche dove l’Ex Cavaliere è convinto di riportare al timone i moderati «con una grande vittoria che dia la possibilità di avere una grande maggioranza magari senza alleati che possa sostenere un Governo tutto formato da ministri che appartengono a Forza Italia».

Infine non risparmia stoccate a Renzi. Nonostante la stima personale, le «slide» e l’abilità nel comunicare resta «uno di sinistra». Un presidente del consiglio che «porterà più tasse, come tutti i governi di sinistra».