Berlusconi, assalto alle alte cariche dello Stato

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Berlusconi torna di nuovo all’attacco, anche se in maniera meno esplicita del solito: “L’intreccio fra logiche politiche della sinistra e strumenti giudiziari sta mettendo seriamente in pericolo il concetto stesso di libertà, democrazia, stato di diritto”. Eccolo l’attacco del Cav contenuto in una lettera ai parlamentari di Forza Italia. Secondo Berlusconi ci sarebbe un disegno a cui non sono “nemmeno estranei i più alti organi di garanzia delle nostre Istituzioni”. Un  intreccio che “sta mettendo seriamente in pericolo il concetto stesso di libertà, democrazia, stato di diritto”, sostiene Berlusconi.

E chi sono gli organi tirati in ballo? Chi più ne ha più ne metta. Dalla Corte Costituzionale che costringe i parlamentari a produrre una legge elettorale al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano che non gli concede la grazia. Senza dimenticare il presidente del Senato Pietro Grasso. Ma Berlusconi poi rilancia la nuova Forza Italia: “Il vostro impegno, come massimi dirigenti del nostro movimento politico, deve essere attivo e quotidiano: l’adesione è solo il primo passaggio di un ruolo fondamentale che dovrete giocare nel Parlamento e nel Paese anche in vista delle elezioni europee e di possibili elezioni politiche nei prossimi mesi”.