Dinastia Berlusconi: il Cav passerebbe lo scettro alla figlia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Silvio Berlusconi, in un’intervista rilasciata a Virus, torna a parlare dei figli in politica, e appoggia Marina: «Deciderà naturalmente lei. È molto capace, ha una grande esperienza aziendale e tutto sommato credo che sarebbe una buona soluzione che lei potesse a un certo punto interessarsi del nostro Paese. Io l’ho sempre sconsigliata dal farlo».

«Non è assolutamente una cosa matura – prosegue l’ex capo del governo – ma soprattutto ricordo che i leader li scelgono gli elettori, non i padri. Dipende da tante cose. Per mia figlia, come padre vorrei che lei non entrasse in questo mondo terribile che si chiama politica. Siamo stati allevati in casa mia, avendo la responsabilità di decidere loro quello che sembra giusto di fare, quindi mia figlia libera di assumere le decisioni che vuole e di seguirla, io – conclude Berlusconi -le consiglierei di non entrare in un mondo che così com’è oggi è un mondo detestabile».