Bersani si reinventa rottamatore. Vuole portare l’Italicum dallo sfasciacarrozze, altrimenti conferma il no al referendum

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La posizione di Pier Luigi Bersani non si sposta di una virgola: cambiare l’Italicum per arrivare al sì al referendum. “O si rottama l’Italicum o si ferma la riforma costituzionale. Se non si cambia l’Italicum bisogna fermare la riforma costituzionale, questo è un problema di democrazia, l’ho sempre pensata così”, ha affermato l’ex segretario del Pd, in un incontro elettorale a Napoli. Sul tema la posizione è stata ribadita, replicando a chi lo critica per l’incoerenza di aver votato la riforma alla Camera, ma di essere pronto a bocciarla al referendum: “Io non mai cambiato idea, non so dove trovino questa novità. Dal primo giorno ho pensato che l’Italicum era un disastro, che andava rottamato. L’ho detto dal primo giorno e lo dico fino all’ultimo giorno, c’era tutto il tempo per cambiarlo, non lo si è cambiato”.

Da Bersani è arrivata anche una bacchettata sulla personalizzazione della campagna: “Averla impostata così, comunque finisca è un guaio perchè viene diviso il paese, si divide il centrosinistra, il partito, si divide il Paese. Perché?”. Per rafforza il discorso ha proposto un parallelo storico: “Dico sempre che non è che tutti i democristiani votarono Repubblica, il giorno dopo erano democristiani lo stesso. Diceva Calamandrei, quando si parla di Costituzione i banchi del Governo devono essere vuoti. Invece ora dobbiamo dire al mondo che non succede niente, il giorno dopo – chiunque vinca – siamo messi come il giorno prima”.

Il presidente dell’assemblea nazionale del Pd, Matteo Orfini, ha accolto con ottimismo le parole di Bersani: “Per ora non c’è un suo no alla riforma. Ha detto che attende il lavoro sulla legge elettorale e di non fidarsi molto del lavoro della commissione, ma cercheremo di smentirlo”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA