Caso Bibbiano, Bonafede dispone un’inchiesta amministrativa per accertare possibili anomalie nell’operato del Tribunale per i minorenni di Bologna

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha disposto l’apertura un’inchiesta amministrativa sul caso Bibbiano, da parte dell’ispettorato del ministero della Giustizia al tribunale per i Minorenni di Bologna, in seguito all’ispezione che era stata già avviata nei mesi scorsi. “Si tratta di un ulteriore approfondimento – fa sapere il dicastero di via Arenula – stimolato dal ministro che va oltre le sole forme dell’acquisizione documentale e che prevede anche la consultazione del protocollo riservato e l’audizione diretta degli interessati: magistrati professionali e onorari, personale amministrativo, altri soggetti in grado di fornire informazioni in merito alla vicenda e anche rappresentanti del foro locale”.

“L’obiettivo – riferisce ancora il ministero della Giustizia in una nota – è accertare possibili anomalie nell’attività svolta dal Tribunale con l’ausilio del Servizio Sociale della Val d’Enza; gli eventuali rapporti, anche extraprofessionali, tra giudici e operatori del settore minorile che potrebbero aver determinato situazioni di incompatibilità; le misure eventualmente adottate dal Presidente del Tribunale sulle possibili situazioni di incompatibilità/astensioni; la corretta applicazione delle tabelle di organizzazione anche con riguardo alle attività dei giudici onorari minorili; ogni altro aspetto che possa risultare di interesse”.

“Sin dall’inizio ho chiarito che la protezione dei bambini è una priorità – dichiara il Guardasigilli, Alfonso Bonafede – e su questo fronte andremo fino in fondo. La prossima settimana presenteremo i dati sul monitoraggio degli affidi effettuato dalla squadra speciale di giustizia per la protezione dei minori. E’ la prima volta che si è in grado di fornire un quadro di dati chiaro, omogeneo e su base nazionale”.