Bilanci in regola nella Capitale. Standard and Poor’s promuove la Raggi. L’outlook del Comune di Roma passa da negativo a stabile

Standard and Poor's Raggi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Bilanci in regola nella Capitale grazie alla gestione Raggi. Standard and Poor’s ha, infatti, migliorato l’outlook del Comune di Roma, passato da negativo a stabile, confermando la valutazione a BBB. Secondo l’agenzia internazionale di rating, Roma trae beneficio da una ricchezza relativamente alta e da un quadro istituzionale che è stato di grande supporto. La città ha una buona liquidità a fronte anche dei debiti risalenti al passato.

“Per la prima volta da molti anni – – ha scritto in un post su Facebook la sindaca di Roma Virginia Raggi -, un’importante agenzia di rating come Standard and Poor’s ha migliorato le previsioni sui conti della Capitale passando l’outlook da negativo a stabile. Segno che il percorso di risanamento intrapreso, a dispetto di chi nutriva pregiudizi verso la nostra giunta, sta dando risultati solidi i cui frutti andranno a beneficio dei cittadini romani. Abbiamo compiuto un tratto di un percorso ancora lungo”.

“Ma la direzione di marcia non cambia – ha aggiunto la sindaca di Roma -: aver messo sotto controllo il debito del Comune, apportato risorse importanti ad Ama e Atac pur in un quadro finanziario indebolito dalle precedenti amministrazioni, con nuovi e credibili piani di risanamento, ha consentito a Roma di reggere l’urto della pandemia, mostrando una resilienza notevole. Di questo dobbiamo essere tutti fieri. Il risanamento di questi anni ci permette di concentrarci, come già accade, nel migliorare la qualità e l’efficienza dei servizi, a cominciare dal trasporto pubblico”.

“Un risultato che rivendico con grande forza – ha detto il presidente dell’Assemblea Capitolina, Marcello De Vito – perché come ricordo spesso ma soprattutto come prevede la legge i Bilanci vengono approvati dall’Aula, che ringrazio in tutte le sue componenti e forze politiche per l’enorme lavoro svolto”.

“Un’attività di esame e di approvazione dei Bilanci – ha aggiunto – che, per rispettare i termini, spesso l’Assemblea ha svolto nell’ultima decade di dicembre o a stretto ridosso della pausa estiva. Non parlavo a caso quando affermavo che la forza di un’Amministrazione risiede nella sua capacità di organizzare e pianificare una sana e corretta programmazione finanziaria – sebbene non visibile nell’immediato – poiché questa rappresenta il presupposto basilare per garantire servizi migliori. Ecco perché ho battuto molto su questo tasto, curandone sempre la tempestiva attuazione (mai sforato un termine di Bilancio di qualsivoglia tipo)”.

“Il bilancio di Roma Capitale ha mostrato una resilienza superiore alle aspettative – ha detto, invece, l’assessore al Bilancio e al Coordinamento strategico delle Partecipate Gianni Lemmetti – e una governance più solida sulle società partecipate più grandi: elementi apprezzati da Standard and Poor’s con l’innalzamento dell’outlook. Se pensiamo all’anno trascorso, così difficile per l’economia della città a causa del Covid, possiamo considerare questa valutazione un ottimo risultato”.