Boldrini fa la casta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il presidente della Camera, Laura Boldrini, risponde indignata all’accusa lanciata dal deputato di Scelta Civica Andrea Vecchio che, riguardo il voto di ieri in Aula sui tagli degli stipendi dei dipendenti di Montecitorio, si è complimentato con l’astensione del collega e questore Stefano D’Ambruoso perché si tratta di “tagli fasulli” e di una “inaccettabile presa in giro” di “tutti quegli italiani che sperano ancora nell’onestà della politica”.

L’AFFONDO DI VECCHIO (SCELTA CIVICA)

«Molti dipendenti Camera continueranno a superare abbondantemente il famoso tetto dei 240.000 euro annui. Vale a dire che un commesso con qualche decina d’anni di servizio, guadagnerà ancora più del presidente del Consiglio dei ministri, più di un astronauta, di un primario di chirurgia oncologica o di un ingegnere. Insomma, se possibile sarà ancora peggio di prima, perché al danno si è unita la beffa. Una vergogna per precari, disoccupati, sottoccupati, cittadini che stentano ad arrivare alla fine del mese e che si vedono raggirati dai dipendenti della Camera e da chi ha votato questi presunti tagli ai loro stipendi. Sono centinaia i protetti dalla politica, ridicolmente vestiti in livrea come dei camerieri, grottescamente remissivi e servizievoli con i cosiddetti onorevoli, che per questa loro mansuetudine bovina percepiscono buste paga da sogno senza avere alcuna competenza che le giustifichi. Anzi, i dipendenti Camera sono assolutamente improduttivi».

L’IRA DELLA BOLDRINI

“La Camera è impegnata, insieme al Senato, in una delicata azione di riordino delle retribuzioni dei dipendenti. È una riforma che in tanti giudichiamo indispensabile, anche per mettere il Parlamento in maggiore sintonia con la fase difficile che il Paese sta attraversando. È una manovra che incide in modo assai profondo sugli stipendi dei dipendenti.  Oltre a mostrarsi disinformato sulla competenza dei dipendenti, Vecchio si permette espressioni offensive con le quali, pur di ottenere facile clamore, non esita a gettare fango su chi lavora per le Istituzioni”.