Bollette a rate e bonus tv, le novità della Manovra. L’Esecutivo deposita i suoi emendamenti al Senato. In clamoroso ritardo

cambi di casacca Parlamento
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Fisco, bollette, scuola, comuni in difficoltà, bonus tv, patent box. Il Governo, dopo numerosi rinvii, deposita al Senato il suo “maxi-emendamento” alla Manovra, un pacchetto omnibus che va dall’intesa sul taglio delle tasse alle nuove misure contro i rincari di luce e gas, dai fondi per la scuola al nuovo intervento salva-Comuni, che nasconde il rischio di un aumento delle tasse locali per ripianare i conti delle grandi città. Ma ancora mancano ancora all’appello diverse questioni spinose a partire dal Superbonus. Per le famiglie ci sarà un ulteriore sollievo, temporaneo, sulle bollette, che potranno essere spalmate in 10 rate grazie a 1 miliardo che l’Arera potrà riversare alle imprese come anticipi.

Nuove risorse per la scuola: altri 100 milioni vengono stanziati per consentire la proroga degli incarichi temporanei del personale Ata. E aumentano di 60 milioni i fondi per migliorare l’offerta formativa e valorizzare la professionalità dei docenti. Mano tesa ai comuni in difficoltà. Le città metropolitane in pre-dissesto (tra cui Napoli, Palermo, Torino e Reggio Calabria) riceveranno un contributo da 2,7 miliardi per salvare i bilanci ma in cambio dovranno siglare un patto per il ripiano del disavanzo basato su spending review, migliore riscossione e, se necessario sull’aumento delle addizionali Irpef o delle tasse di imbarco portuali e aeroportuali.

Viene rifinanziato il bonus Tv e decoder: arrivano 68 milioni di euro per l’acquisto di apparecchi in linea con i nuovi standard tecnologici. Gli over 70 che hanno un assegno pensionistico sotto la soglia dei 20 mila euro annui potranno ricevere il decoder direttamente a casa. Arriva la proroga fino a marzo anche per i militari del programma Strade sicure e 50 milioni in più alla struttura del commissario per “i servizi logistici”. Arriva anche la società ad hoc per il Giubileo del 2025 e la definizione dei poteri per il commissario (già individuato nel sindaco di Roma).

Il Governo si fa carico poi della riscrittura del Patent box, portando l’incentivo sui brevetti dal 90% al 110% (esclusi i marchi) ed eliminando il cumulo con il credito d’imposta per ricerca e sviluppo. Le votazioni non dovrebbero iniziare prima di domenica pomeriggio con l’intenzione di aprire una seduta fiume fino al mandato al relatore. La manovra verrebbe così votata tutta in una notte. I tempi stringono e il Governo punta a chiudere in Senato almeno prima di Natale.