Bologna, assalto all’auto di Matteo Salvini

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

http://youtu.be/vdMjntEB4jE

Finisce male la visita del segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, a Bologna. La sua macchina è stata assalita a calci, pugni e sassi, da giovani dei centri sociali. Salvini era arrivato a Bologna per una visita in un campo nomadi della città. All’assalto l’autista ha accelerato rischiando di investire due ragazzi che cercavano di fermare la vettura. Il segretario del Carroccio si trovava a pochi metri dal campo nomadi di via Erbosa dove, insieme al candidato regionale Alan Fabbri e alla consigliera comunale Lucia Borgonzoni. “Così i balordi dei centri sociali hanno distrutto la nostra macchina”, ha scritto Salvini su Facebook postando le foto della vettura distrutta, “prima ancora che ci avvicinassimo al Campo ROM.Noi stiamo bene. Sassate sulla macchina, calci, pugni e sputi. Se questa è la Bologna “democratica e accogliente”, dobbiamo LIBERARLA!”. Il clima era già incandescente e anche prima dell’arrivo di Salvini alcuni appartenenti all Lega che stavano raccogliendo firme per chiudere i campi nomadi, sono stati insultati dai giovani dei centri sociali, che hanno preso e strappato il manifesto.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA