Bonus Covid per le imprese siciliane. Flop annunciato del click day. Il sistema informatico non ha retto l’enorme mole di richieste

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Stop al “click day” la soluzione informatica che la Regione Sicilia aveva scelto per l’assegnazione del bonus da 125 milioni di euro destinati alle imprese in crisi a causa del Covid. L’annuncio è arrivato ieri pomeriggio da parte dell’assessore alle Attività produttive Mimmo Turano: “La platea degli imprenditori è confermata”, ma “cambieranno le modalità del bando e prenderemo in considerazione tutte le domande, verificando soluzioni per rispondere a categorie non comprese nel bando stesso”.

L’amministrazione regionale ha deciso che non era il caso di rischiare senza avere la sicurezza al 100 per cento che la piattaforma Tim reggesse il colpo della seconda ondata di iscrizioni da parte delle imprese, giunte già a circa 56 mila, dopo il crash che lunedì 5 ottobre ha bloccato il sistema. La Giunta, guidata da Nello Musumeci (nella foto), ammette dunque il fallimento dell’operazione e i deputati del Movimento 5 Stelle all’Assemblea regionale siciliana parlano di flop annunciato.

“Avvisiamo Turano da mesi – spiegano i deputati pentastellati – ma niente. Anzi con superficialità e arroganza il governo Musumeci è andato avanti su quella linea con il risultato che abbiamo avuto modo di constatare noi e le imprese costrette a fare i salti mortali per partecipare a un bando scritto male e tecnicamente inefficiente. Adesso Turano dia immediata risposta alle imprese, poi si accomodi gentilmente fuori dalla porta dell’assessorato regionale alle Attività produttive”, concludono i deputati.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA