Bonus revisione auto 2022: requisiti, come richiederlo, a chi spetta e come funziona

Bonus revisione auto 2022
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Bonus revisione auto 2022: requisiti, come richiederlo, a chi spetta e come funziona. Tutte le informazioni sulla misura approvata dal Governo.

Bonus revisione auto 2022: come richiederlo e come funziona

A partire da lunedì 2 maggio, i cittadini italiani possono inviare richieste per ottenere un indennizzo sulle revisioni di auto e moto, secondo quanto previsto dal cosiddetto bonus veicoli sicuri.

In seguito alla chiusura dei termini per la presentazione delle richieste annesse la 2021 avvenuta a fine aprile, la piattaforma del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, accessibile al sito bonusveicolisicuri.it, consente di inoltrare le domande relative all’anno in corso.

L’agevolazione è stata istituita per contrastare l’aumento dei costi per le revisioni obbligatorie dei veicoli a motoreprevisti dal Codice della Strada. Il bonus è rivolto a chiunque debba sottoporre la propria automobile, moto, minibus o minicar alla revisione e verrà erogato presentando domanda online.

La compilazione della domanda online è particolarmente semplice e veloce e può essere spedita dopo aver compilato le voci richieste dall’apposito modulo, visualizzabile dopo aver effettuato l’accesso alla piattaforma tramite un’identità digitale SPID.

Requisiti, a chi spetta e a quanto ammonta

Il bonus revisione auto 2022 è stato introdotto per calmierare l’impennata dei costi delle revisioni sui veicoli come effetto di un emendamento incluso nella Legge di Bilancio 2021. Il bonus, pertanto, è entrato in vigore per la prima volta nel 2021 e sarà attivo fino al 2023, consentendo di risparmiare sulla revisione a fronte dell’incremento dei costi.

Il valore del bonus è pari a 9,95 euro: il minimo importo del bonus è stato calcolato in proporzione all’entità dell’aumento della revisione dei veicoli il cui costo è passato da 66,88 euro a 78,75 euro. Un incremento, quindi, pari a circa 12 euro totali.

L’intento del Governo consiste nel fare recuperare ai cittadini almeno i costi imposti dall’aumento.

L’agevolazione può essere richiesta da tutti i proprietari di veicoli a motore che sottopongono il proprio mezzo a revisione obbligatoria tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2022.

A questo proposito, è stato specificato che possono richiedere il bonus “coloro che sono in possesso di un’identità digitale SPID, indispensabile per accedere alla piattaforma sulla quale vengono inviate le richieste; il primo cointestatario sulla carta di circolazione (nel caso di veicolo cointestato)”.

Il bonus può essere richiesto solo una volta e per un solo veicolo per l’intera durata dell’iniziativa.