Borsa, chiusura in lieve rialzo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Chiusura in lieve rialzo per la Borsa, al termine di una seduta poco mossa complice la chiusura di Wall Street per festività e il clima di attesa per la formazione del nuovo governo. L’indice Ftse Mib segna un progresso del +0,11% a 20.459 punti, All Share sul +0,19%. Piazza Affari ha fatto leggermente meglio degli altri mercati europei, a parte Londra che ha fatto corsa solitaria, con la domanda che ha premiato Telecom, Luxottica, qualche bancario e il settore dei media. Dopo una prima reazione positiva nei giorni scorsi alla prospettiva di un cambio di governo la Borsa aspetta ora gli sviluppi, temendo forse le prime difficoltà sorte sulla lista dei ministri. Intanto tra le agenzie di rating l’outlook negativo di Fitch, comunicato oggi, bilancia quello positivo di Moody’s di venerdì.

Tra le banche spunto di Bpm (+2,74%), Mediobanca +1,66%, Intesa +1,39%. Bene Unipol e il risparmio gestito. Giu’ oggi i titoli dell’energia, con Enel a -0,97%, come Terna. Nell’industria Pirelli cede l’1,35%, su Finmeccanica (+1,38%). Telecom registra un guadagno del’1,53%. Nel lusso si anima Luxottica (+1,62%) dopo che l’a.d. Andrea Guerra ha declinato la proposta di un incarico governativo. Bene Ferragamo (+1,53%), Cucinelli (+2,24%) e Geox (+1,65%). Animato il settore dei media, con L’Espresso che sale dell’8,17% su un report positivo, Mediaset +3,41%, Mondadori +5,85% e Rcs +1,26%. Nell’immobiliare Aedes realizza un +28,09%.