Borsa: l’Europa parte piatta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Il terzo calo consecutivo di Tokyo e il calendario ricco di dati macroeconomici in Ue come in Usa consigliano ai mercati azionari cautela all’avvio delle negoziazioni in Europa. Gli indici si muovono appena sopra la parita’ e Milano guadagna un timido 0,11% nel Ftse Mib e lo 0,10% nel Ftse All Share. Subito brillanti le Popolari: +1,6% Bpm, +1,5% Banco Popolare, +0,7% Bper. In discesa alcuni industriali a cominciare dal -0,9% di Finmeccanica, sulle indiscrezioni di forti perdite per la controllata Ansaldo Breda, e dal -0,8% di Prysmian. In mattinata attesa l’asta sui BTp italiani cosi’ come i dati sull’occupazione tedesca e sulla fiducia dei consumatori dell’eurozona. Sul fronte Usa occhi puntati all’audizione davanti alla commissione bancaria del Senato del presidente Fed Janet Yellen. Sul mercato valutario, euro trattato a 1,3683 dollari
(1,3655). Petrolio in calo dello 0,26% a 102,32 dollari al barile.