Borsa, Luxottica, continua il calo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Piazza Affari ha chiuso poco mossa recuperando nel pomeriggio in scia all’andamento positivo di Wall Street. L’indice Ftse Mib ha chiuso con un rialzo dello 0,08% a 19.155 punti dopo essere scivolato in mattinata ai minimi del 2014. A deprimere l’umore degli investitori è stato l’indice Zew sulle aspettative economiche in Germania, sceso ad ottobre a -3,6 punti.

Luxottica (-2,92% a 36,20 euro) non si è ripresa dopo il tonfo di ieri. Il Cda del gruppo di Agordo ha accettato le dimissioni del co-Ceo, Enrico Cavatorta, presentate per disaccordo sull’attuale governance. Per le stesse ragioni, si è dimesso ieri anche Roger Abravanel. Luxottica ha fatto sapere che il presidente Leonardo Del Vecchio ha assunto temporaneamente le cariche esecutive, fino a quando non sarà concluso il processo di selezione dei candidati.

Seduta negativa anche per Ferragamo (-3,57% a 18,90 euro) che ha risentito della performance di Luxottica ma anche della londinese Burberry. Il gruppo del lusso britannico ha avvertito che “un contesto esterno più difficile” potrebbe comportare una “leggera pressione ribassista sui margini”. Sempre nel comparto del lusso da segnalare il calo di Tod’s che ha lasciato sul parterre lo 0,70% a 70,50 euro.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La bugia della destra e della sinistra

Piccola bussola per chi ha perso l’orientamento tra destra e sinistra, e ieri si è smarrito ancora di più vedendo Salvini difendere Renzi dalle polemiche sull’incontro carbonaro con lo 007 Mancini nella piazzola di un autogrill. A guardarli con gli occhiali del passato, destra e

Continua »
TV E MEDIA