Bossi trascina il suo Carroccio in Tribunale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Caos nella Lega Nord. Finisce in tribunale la querelle tra Umberto Bossi e Matteo Salvini. Il vecchio che non si arrende al nuovo. Motivo del contendere il vitalizio di 900mila euro al Senatur percepito dalla Lega e che sarebbe stato negato a Bossi. Ancora prima era stato ridotto a 400mila euro, poi a 200. Ora però Bossi ha citato davanti al tribunale di Milano il suo partito. A rivelare lo scontro il quotidiano La Repubblica. Il giornale diretto da Ezio Mauro rivela che Bossi aveva ottenuto un sequestro cautelativo di 6 milioni di euro sui conti leghisti per assicurarsi il vitalizio e pagare la parcella del proprio avvocato, Matteo Brigandì. Grazie alla mediazione del tesoriere del partito, Stefano Stefani, si era giunti una scrittura privata. E secondo l’accordo svelato da Repubblica vi era anche la rinuncia da parte della Lega di costituirsi parte civile nel procedimento penale contro il Senatur e i suoi due figli per i presunti fondi sottratti alla Lega. Poi il Carroccio ha annunciato di volersi costituire parte civile e la patata bollente è scoppiata.

Ma il mistero si infittisce. Nel tardo pomeriggio poi è arrivata la precisazione della Lega che ha fatto sapere che chiederà di essere parte civile non contro Umberto Bossi e i suoi figli Renzo e Riccardo, bensì contro gli altri sei imputati nel procedimento con al centro le presunte irregolarita’ nella gestione dei fondi del Carroccio e una truffa ai danni dello Stato di circa 40 milioni di euro. Mentre Bossi ha sottolineato: “La Lega non dà un contributo a me, ma paga alcuni uomini, fra cui quelli che mi fanno da autista”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Ci mancava il regalo ai mafiosi

Partito come un venticello, il soffio della restaurazione sta diventando un tornado. Draghi a Palazzo Chigi ne è di per sé il sigillo di garanzia, ma siccome il suo è definito da stampa e poteri forti il “Governo dei migliori”, c’è chi ha deciso di

Continua »
TV E MEDIA