Botte da Orban. Il premier ungherese gela il Carroccio. E resta con i Popolari. “Rispettiamo Salvini, ma non ci sono molte possibilità di cooperazione”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nessuna collaborazione di Viktor Orban (nella foto) con Matteo Salvini al Parlamento europeo. Mentre le diplomazie dei partiti europei sono a lavoro per stringere alleanze in vista della nuova legislatura, arriva un forte stop al partito vincitore in Italia delle elezioni. I leghisti, come si sa, sono al lavoro per allargare la pattuglia di deputati che siederanno a destra dell’emiciclo nella prossima legislatura (lo stesso Salvini ha annunciato un gruppo di 100-150 europarlamentari), ma il primo ministro ungherese respinge le avances e gela il leader del Carroccio: “Non vedo molte possibilità di collaborazione” tra Fidesz e la Lega, dice il capo dello staff del leader ungherese, Gergely Gulyas. “Rispettiamo il vicepremier italiano, ma non vedo molte possibilità di cooperazione tra partiti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA