Bufera procure, il Csm rigetta le istanze di ricusazione presentate da Palamara nei confronti di Ardita e Davigo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La sezione disciplinare del Csm ha dichiarato inammissibile, perché tardiva, l’istanza di ricusazione avanzata dal pm di Roma, Luca Palamara, coinvolto nella bufera procure e indagato per corruzione, nei confronti del togato di Autonomia&Indipendenza Piercamillo Davigo. La stessa disciplinare del Consiglio superiore della magistratura ha rigettato anche la richiesta di ricusazione avanzata da Palamara nei confronti del togato Sebastiano Ardita. In seguito alla decisione assunta dal Csm è iniziata l’udienza, a porte chiuse, per decidere sull’istanza del pg di Cassazione Riccardo Fuzio di sospendere Palamara dalle funzioni e dallo stipendio.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA