Bufera su Ei Towers. Tutto il cda indagato per aggiotaggio. Nel mirino la tentata scalata a Rai Way

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Bufera su Ei Towers. I componenti dell’intero consiglio di amministrazione sono indagati per aggiotaggio nell’ambito dell’inchiesta sull’opas lanciata dalla controllata di Mediaset su Rai Way e bocciata dalla Consob. Perquisizioni ci sono state nella sede della società proprietaria del segnale delle reti Mediaset. Le Fiamme Gialle sono andate a caccia di documenti utili a ricostruire l’opas.

L’azienda degli apparati di trasmissione del segnale radiotelevisivo di Mediaset aveva lanciato lo scorso 24 febbraio l’Opas a 4,5 euro per azione puntando, inizialmente, ad almeno il 66,7% del capitale della società torri della Rai. Un’operazione che ha fatto discutere sin dal primo momento, tanto che il Governo è intervenuto per ribadire che la maggioranza sarebbe rimasta comunque in mano pubblica (ora la Rai possiede il 65% di Rai Way). L’Antitrust ha aperto un’istruttoria giudicando la prospettata fusione pericolosa per la concorrenza, la Consob ha prima congelato poi bocciato la proposta di acquisto e scambio. La decisione di Ei Towers di abbassare dal 66,7 al 40% la soglia per la validità dell’Opas secondo la Commissione ha fatto infatti venir meno i presupposti e gli obiettivi della proposta.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA