Buona scuola che cade a pezzi. A Pescara si stacca intonaco dal soffitto, tragedia sfiorata. In provincia di Chieti esplode una caldaia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Della buona scuola del Governo Renzi a Pescara non v’è traccia. Tragedia sfiorata in un istituto alberghiero dove l’umidità ha causato il distacco di un metro quadro di intonaco dal soffitto; i calcinacci hanno colpito tre studenti seduti nei banchi. Un istituto risalente agli anni ’50 quello di Porta Nuova. Giovani trasferiti all’ospedale immediatamente senza conseguenze gravi. Evacuato immediatamente l’edificio. Dai primi sopralluoghi non si tratterebbe di un cedimento strutturale. Quel che preoccupa è che episodi del genere siano sempre più frequenti nelle scuole italiane. Al di là degli annunci fatti dal Governo i nostri scolaretti ogni mattina sembrano vadano in guerra. E, sempre in Abruzzo, in un paesino in provincia di Chieti in una scuola è esplosa una caldaia.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA