Buste con proiettili alla Ciarambino. Minacce all’esponente M5S campana. Il fronte della legalità dà fastidio. Solidarietà bipartisan

VALERIA CIARAMBINO
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Solidarietà bipartisan e condanna unanime del vile gesto di cui è stata vittima la vicepresidente del Consiglio regionale della Campania ed ex candidata governatrice del Movimento cinque stelle Valeria Ciarambino: due buste – una inviata lunedì scorso, l’altra giovedì – sono state bloccate dagli scanner del Centro di smistamento di Poste italiane e consegnate alla Polizia, che ha avvertito l’esponente pentastellata. La prima busta conteneva due proiettili, la seconda, oltre a un proiettile, conteneva un messaggio molto esplicito: l’intimazione a “stare zitta”.

L’esponente del M5s ha detto alla Digos di non aver mai ricevuto in precedenza minacce o messaggi intimidatori. La Prefettura sta valutando l’assegnazione di una scorta, ma intanto Ciarambino, pur non sottovalutando l’accaduto, non ha intenzione di fare neanche mezzo passo indietro: “Non me ne starò zitta, come qualcuno vorrebbe, e non me ne starò ferma. Continuerò a lavorare, a denunciare, ad alzare la voce se sarà il caso di farlo, ma soprattutto ad ascoltare e a farmi portavoce di ogni richiesta di aiuto. Oggi mi sento più forte, perché so che non sarò mai sola nell’affrontare le battaglie per la nostra terra e per il nostro Paese”. Ha dichiarato, forte del sostegno del suo partito dal leader in pectore Giuseppe Conte – che ha definito “ignobili” le minacce e le ha garantito che “il Movimento sarà sempre al suo fianco, in prima linea, per combattere malaffare e corruzione” dal presidente della Camera, Roberto Fico, come dalla sindaca di Roma Virginia Raggi (“non sei sola nella battaglia per la legalità”) e dal ministro Luigi di Maio, che assicura: “Valeria Ciarambino conosciamo la tua forza e sappiamo che non mollerai di un millimetro, neanche davanti a questi atti vigliacchi. Vi posso assicurare che Valeria non ‘stara’ zitta’ e con coraggio continuerà a denunciare le ingiustizie che colpiscono i cittadini. Tutto il MoVimento 5 Stelle è con te”.

Ma non solo: tutte le forze politiche hanno voluto mostrare vicinanza alla vicepresidente del consiglio regionale, il governatore della Campania Vincenzo De Luca ha affermato che “Nel respingere un gesto inaccettabile, ribadiamo con forza la condanna e il contrasto deciso alla criminalità, alla violenza e a ogni genere di intimidazione”, così come tutto il Partito democratico, sia a livello nazionale che locale. Da Napoli arrivano anche le manifestazioni di vicinanza dl sindaco Luigi de Magistris e dei candidati Gaetano Manfredi (“Va sempre preservato il diritto-dovere ad un confronto civile, senza concessioni o tentennamenti di fronte alle minacce”), e Catello Maresca, che le ha telefonato per esprimerle “stima, vicinanza personale e solidarietà”.

L’ex pm anticamorra ha puntualizzato che “Quale che sia la matrice di questi gesti mi auguro che non tolgano mai serenità ad una rappresentante seria delle istituzioni e che indagini rapide possano accertare gli autori di questo gesto infame”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La scelta responsabile di un leader

Bisogna aver bisticciato da piccoli con la matematica e la logica politica per sostenere che Giuseppe Conte abbia rinunciato a candidarsi alla Camera a Roma (leggi l’articolo) per paura di essere battuto da Calenda e Renzi. I due, che insieme non arrivano al 4% nazionale,

Continua »
TV E MEDIA