Calderoli e la macumba di papà Kyenge

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Roberto Calderoli si sente vittima della macumba del padre dell’ex ministro, Cecile Kyenge. ”Sei volte in sala operatoria, due in rianimazione, una in terapia intensiva, è morta mia mamma e nell’ultimo incidente mi sono rotto due vertebre e due dita: forse è il caso di mandare un messaggio distensivo a papà Kyenge per chiedergli la revoca del rituale che mi fece”. L’esponente della Lega Nord, intervistato dal settimanale Oggi, ricorda anche l’ultimo episodio dell’uccisione del serpente di due metri trovato in cucina. “Devo trovare assolutamente un esorcista”, afferma Calderoli. Secca la replica del padre della Kyenge: “Se quando lui ha chiesto scusa a Cecile era sincero, può stare tranquillo. Se invece quelle scuse sono state frutto di calcolo e convenienza, gli antenati potrebbero innervosirsi”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA