Cambio ai vertici del Dap. Si è dimesso Basentini. Bonafede propone il pm antimafia Petralia. Intanto sarà Tartaglia a guidare l’amministrazione penitenziaria

dalla Redazione
Politica

Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, dopo le dimissioni di Francesco Basentini, ha chiesto al Consiglio superiore della magistratura il collocamento fuori ruolo del Procuratore Generale presso la Corte di Appello di Reggio Calabria, Bernardo Petralia (nella foto), e la sua destinazione a Capo del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria, dopo la formalizzazione delle dimissioni di Francesco Basentini.  “In attesa della risposta del Csm – ha detto Bonafede – posso solo dire che Petralia è un magistrato che ha speso la sua vita per la giustizia e la lotta alla mafia. Approfitto per fare gli auguri di buon lavoro a Roberto Tartaglia (indicato come vice capo, ndr), visto che oggi ha preso possesso della nuova carica”.

“La nomina di un nuovo capo del dipartimento dell’amministrazione penitenziaria – affermano in una nota i membri del MoVimento 5 Stelle in Commissione Giustizia al Senato – da parte del ministro della giustizia è una buona notizia. Al dottor Dino Petralia, già procuratore a Reggio Calabria, vanno i nostri migliori auguri di buon lavoro. Siamo certi che la sua azione, congiuntamente a quella del nuovo vice capo Tartaglia, saprà dare nuovo impulso alle importanti azioni che il dipartimento è chiamato a svolgere soprattutto in un periodo delicato come questo. Tanto Petralia quanto Tartaglia hanno sin qui svolto il proprio lavoro di magistrato in prima linea contro le mafie e la criminalità organizzata, e siamo certi che la loro attività sarà altrettanto proficua per il dipartimento”.