Cambio di residenza online in tutta Italia: come fare?

Cambio di residenza online in tutta Italia
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Cambio di residenza online in tutta Italia: qual è la procedura? Tutti i passaggi da seguire per cambiare residenza attraverso l’identità digitale.

Cambio di residenza online in tutta Italia: il ricorso all’identità digitale

A partire da mercoledì 27 aprile, è attiva la procedura per effettuare il cambio di residenza online in tutta Italia. Per alcuni mesi, trenta Comuni hanno partecipato a una sperimentazione in modo tale da testare e perfezionare la procedura. Al termine della sperimentazione, la procedura è infine stata resa disponibile per tutti i cittadini italiani.

Per accedere alla procedura online, è possibile ricorrere all’identità digitale o attraverso lo Spid o attraverso la Carta d’identità elettronica. Inoltre, si può modificare la propria residenza da un qualsiasi comune italiano a un altro, senza limitazioni a livello regionale.

Il cambio di residente online può essere effettuato sul portale online dell’Anagrafe Nazionale Popolazione Residente. Sul sito, oltre a beneficiare dei servizi già attivi come il download di certificati anagrafici, nella sezione riservata ai servizi al cittadino è stata inserita anche l’opzione per modificare la residenza.

Come fare? Tutti i dettagli e i passaggi da seguire per effettuare la procedura

Per quanto riguarda la procedura da seguire per effettuare il cambio di residenza online in tutta Italia, in primo luogo è necessario accedere al portale usando l’identità digitale. Successivamente, bisogna dare click su “richiedi cambio di residenza”, su “registra una dichiarazione” e poi su “nuova residenza”. A questo punto, è necessario inserire i dati personali di coloro che afferiscono al nucleo familiare, compilare la sezione “residenza” e quella “immobile”.

Per inoltrare la domanda, non bisogna allegare documenti specifici in quanto tutte le informazioni sono già state trasmesse attraverso l’identità digitale. Esiste, però, una sezione “allegati” che consente di aggiungere documenti come, ad esempio, il permesso di soggiorno. Se si è cittadini extracomunitari, allegare il permesso di soggiorno è obbligatorio.

Dopo l’invio, la pratica risulterà “aperta”, successivamente apparirà la scritta “in lavorazione”, seguita da “accolta con riserva”. A questo punto, saranno necessari 45 giorni per verificare i dati. Al termine dei 45 giorni, la domanda verrà accolta in modo definitivo, annullata oppure sospesa nel caso in cui sia necessario inviare ulteriori documenti.