Camion in fiamme, rapinatori bloccano l’autostrada: ma il colpo al portavalori fallisce

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

dalla Redazione

Se non è bastato un commando armato composto da una decina di uomini per bloccare un blindato che trasportava milioni di euro, probabilmente il piano d’assalto non era stato congeniato proprio per il meglio dalla banda che questa mattina ha bloccato l’Autostrada del Sole tra Lodi e Piacenza. I banditi hanno prima dato fuoco a due camion mettendoli di traverso per bloccare il blindato del gruppo Battistolli, senza riuscirci, e hanno poi cosparso la carreggiata di chiodi riuscendo però a bloccare solo il furgone di scorta e non quello che trasportava il malloppo. Risultato finale: colpo fallito.

SENZA FERITI
Si potrebbe quasi gridare al miracollo se con un doppio incendio, chiodi e armi non ci sono feriti. Si, ci sono, stati anche colpi da arma da fuoco nell’assalto della banda al blindato Battistolli. Come riferito da alcuni testimoni sarabbero stati esplosi colpi di pistola ma anche di kalashnikov. Erano circa le 6,40 quando la banda è entrata in azione sull’Autosole. L’obiettivo era quello di bloccare il traffico in entrambe le carreggiate e, infatti, due camion sono stati incendiati al chilometro 34 in direzione sud e altri due camion sono stati dati alle fiamme al chilometro 24 in direzione nord.
Fatto sta che il blindato col malloppo è riuscito ad evitare il blocco mentre l’Autostrada è rimasta bloccata per ore. Mentre il blindato preso di mira dai malviventi è riuscito a rientrare nella sede del gruppo Battistolli intorno alle 9 del mattino.

L’INDAGINE
Come detto avrebbe agito un commando di circa 10 persone anche se non ci sono conferme. Sono al vaglio degli investigatori i filmati forniti dalle telecamere della società autostrade. Testimonianze parlano di tre uomini fuggiti a bordo di una macchina nera. Ma le automobili utilizzate per la fuga sono senza dubbio molto di più. Una vettura utilizzata per la fuga è stata rubata ad una donna, costretta a scendere dal proprio veicolo. I rapinatori l’hanno bloccata a Borghetto Lodigiano, abbandonando alcune delle vetture usate per la tentata rapina.

IL PRECEDENTE
Un altro blindato del gruppo Battistolli era stato preso di mira lo scorso anno. Era, precisamente, il luglio del 2013 quando il colpo fruttò alla banda che assaltò il blindato ben 10 milioni di euro. Teatro della rapina l’A9. E per quel colpo sono due le persone finite in manette.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA