Canone Rai a 100 euro e in bolletta. Coro di no all’ultima promessa di Renzi. E così rischiano di pagare anche i possessori di pc e tablet

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tempi pronti per una nuova battaglia politica sul canone Rai. Ieri intervistato a In Mezz’ora su Rai 3 il premier, Matteo Renzi, ha sciorinato una serie di numeri e promesse dal sapore quasi elettorale. Fatto sta che tra gli argomenti toccati c’è quello del canone Rai. Renzi ha promesso di abbassarlo da 113 a 100 euro. Il presupposto è che così possano pagarlo tutti, riducendo drasticamente il numero degli evasori. Ma come? Ecco, è il come, a far infuriare varie associazioni dei consumatori e non solo. La ricetta del premier lo vedrebbe bene se inserito in  bolletta.

SCONTRO TOTALE – “Legare il canone Rai alla bolletta elettrica sarebbe un provvedimento illegittimo e incostituzionale e, in quanto tale, impugnabile nelle competenti sedi”, afferma il Codacons. “In base al regio decreto legge 21 febbraio 1938, n.246, tale imposta si applica solo a chi possiede un apparecchio adibito alla ricezione di radioaudizioni televisive nel territorio italiano. Per questo snaturare il canone vincolandone il pagamento ad una bolletta sarebbe illegittimo, poiché non garantisce il verificarsi della condizione essenziale per il pagamento dell’imposta, ossia il possesso di un televisore o altro apparecchio atto a ricevere frequenze tv”. Ed è proprio questo il dubbio più grande visto che inserendo il pagamento in bolletta si potrebbe colpire indiscriminatamente anche quella lunga lista di commercianti, “Si tratta di una misura abnorme, una forma di violenza nei confronti degli utenti”, denuncia il Presidente Codacons, Carlo Rienzi, “L’inserimento del canone in bolletta creerà effetti a valanga con conseguenze per i consumatori e per le imprese elettriche. Un’ulteriore complicazione per chi, non possedendo un televisore, vorrà chiedere l’esenzione dal pagamento, e un caos amministrativo in capo ai fornitori di energia, che si trasformano in esattori. Pensiamo poi al caso delle morosità in bolletta: come distinguere le due voci in caso di mancato pagamento delle fatture? Stiamo studiando le possibili azioni legali volte a bloccare il provvedimento e non escludiamo una valanga di ricorsi da parte degli utenti contro il canone Rai in bolletta”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quel bivio tra il M5S e il Ponte sullo Stretto

Nei sondaggi della Ghisleri e Pagnoncelli non c’è traccia, ma in Italia non c’è partito che sta crescendo più di quello del cemento. I soldi del Recovery Plan permetteranno di aprire cantieri ovunque, e come da tradizione c’è la fila per costruire quello che capita,

Continua »
TV E MEDIA