Cantone promuove la nuova legge. Per il presidente dell’Anac il testo del ddl anticorruzione è convincente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ha espresso un parere molto favorevole sul ddl anticorruzione, recentemente approvato alla Camera, il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone. Secondo lui si tratta di “un testo convincente” ma che per essere valutato pienamente occorrerà attendere “il testo definitivo perché il ministro ha detto che al Senato sarà emendato”. Al momento, secondo il vertice dell’Authority, si segnalano: “Molte luci e poche ombre”. Tra le prime, spiega Cantone, ci sono norme positive come quelle che incidono sulla questione delle pene accessorie e quella circa l’istituzione dell’agente sotto copertura. Tra quelle meno convincenti, invece, il presidente dell’Anticorruzione segnala quella che pre- vede la possibilità di andare non punibili in caso di denuncia.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA