Capitale in lutto per Gaia e Camilla, le due 16enni investite a Corso Francia. Il parroco: “Il senso della vita non è bere e fumarsela”

Gaia e Camilla
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Camilla aveva chiesto pochi giorni fa a pranzo con i genitori e la sorella Giorgia cosa fosse il senso della vita. Quando ti metti a guidare sbronzo o fatto è questa la vita? Mandarla in fumo? In fondo ci sentiamo onnipotenti e poi non riusciamo a seguire le regole base della convivenza”. Così il sacerdote nell’omelia durante i funerali di Gaia e Camilla, le due 16enni investite nei giorni scorsi a Roma. “Ci riscopriamo tutti un po’ palloni gonfiati – ha aggiunto il sacerdote durante l’omelia – Il senso della vita non è bere e fumarsela”. Un lungo applauso, seguito dalle note di due brani di Jovanotti e Tiziano Ferro, hanno accompagnato l’uscita delle bare bianche al termine dei funerali. Gremita la chiesa del Fleming e anche il viale di accesso. Nel quartiere i negozi avevano le serrande abbassate, in segno di lutto. “Da giorni – ha aggiunto il parroco – ci chiediamo il perché. Ci interroghiamo sull’insensatezza di quanto accaduto. Brancoliamo nel buio. Ecco quello di oggi è il grande abbraccio che diamo ai genitori di Gaia e Camilla, in questa ora così buia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA